Il principe… pardon Re Carlo III ha già mostrato di avere un carattere molto diverso dalla madre, la compianta Regina Elisabetta II: le sue smorfie, nel corso degli anni, nelle più disparate occasioni sono ancora ben impresse nella mente dei sudditi, così come le sue gaffe.

Re Carlo, la reazione quando gli hanno tirato addosso le uova

Alcuni comportamenti da reale suonano ai comuni mortali piuttosto strambe: ad esempio Carlo è solito prendere ogni mattina la stessa identica colazione nel medesimo modo, arriva a cambiarsi anche fino a 5 abiti ed esige che sia tutto perfetto, ogni giorno.

Oltre a questo tipo di richieste, soprattutto nel momento in cui aveva tutti gli occhi puntati addosso poco dopo la morte della madre, ha palesato svariati scatti di ira che gli hanno attirato non poche critiche da parte degli osservatori reali. Ma qualcosa è cambiato in queste settimane e forse il peso della responsabilità della Corona nonché la nostalgia per l’assenza di Elisabetta si stanno facendo più sopportabili.

Sembrano infatti più miti e gentili i modi con cui si rapporta agli altri o in cui reagisce agli imprevisti: ieri, 9 novembre, un uomo gli ha lanciato addosso uova per tre volte – mancandolo – mentre era a York con la Regina Consorte Camilla.

La frase a Camilla dopo l’increscioso imprevisto

La coppia di reali stava passeggiando lungo le strade della cittadina nel nord d’Inghilterra dopo aver inaugurato una statua in omaggio ad Elisabetta II. Tra la folla è spuntato un giovane di 23 anni che al grido di “Questo paese è stato costruito sul sangue degli schiavi”, ha tentato di colpire il Re e la moglie.

La sicurezza è intervenuta immediatamente allontanando il Sovrano mentre la polizia britannica ha posto sotto arresto l’uomo. Intanto, come riporta l’esperto di lettura labiale Jeremy Freeman al Mirror, Re Carlo III avrebbe soltanto esclamato: “Va bene, andiamo avanti”.

Niente risposte maleducate, nessuna reazione convulsa e imbarazzante, soltanto un commento scarno e secco per chiudere l’increscioso capitolo. A questo punto è lecito chiedersi se non stia imparando la lezione più importante della madre: apparire imperturbabili è segno di grande potere e porta il rispetto degli altri.