Una semplice febbre causata da quello che sembrava un normale raffreddore si è trasformata in un incubo che ha causato la morte di un bambino di 7 anni. Il piccolo è deceduto improvvisamente dopo aver contratto un virus che secondo i medici colpisce molto comunemente i bambini, il Metapneumovirus

La giovanissima vittima è Andrew Velásquez, originario di Oakland, in California, morto a causa del virus che di solito provoca infezioni respiratorie ma che, nel suo caso, è stato complicato dall’asma di cui soffriva. Il padre del minore, Julián Velázquez, ha accettato di parlare in un’intervista a Noticias Univisión 14 con l’intento di mettere in guardia altri genitori affinché possano prestare maggiore attenzione ad alcuni sintomi che possono essere confusi con una febbre o un comune raffreddore. «Andate dal medico prima che sia troppo tardi, come è successo a noi» , ha detto Velásquez.

I sintomi che sono stati scambiati per un comune raffreddore

Julián racconta che domenica 23 ottobre suo figlio Andrew è andato con sua madre a una festa di Halloween nella città di Alameda, ma quando è tornato a casa ha iniziato a presentare dei sintomi lievi che sembravano un raffreddore. I genitori lo hanno curato con i medicinali che usavano di consueto in situazioni simili, e sembrava avessero fatto effetto: il bambino ha continuato a giocare come se niente fosse ed è andato a dormire al solito orario. Durante la notte si è risvegliato con tosse e mal di gola ed è tornato sotto le coperte a riposare. La mattina dopo è andato a scuola senza problemi, ma è stato allora che gli insegnanti hanno contattato Julian e sua moglie perché Andrew aveva già la febbre alta.

Il doppio attacco cardiaco in ospedale

Entrambi hanno deciso di curarlo a casa per tutto il lunedì, ma visto che era notte e che ancora non stava migliorando, hanno deciso di portarlo in ospedale per le cure, perché la sua temperatura non si abbassava e aveva difficoltà a respirare. «Alle tre del mattino mia moglie ha deciso di portarlo all’Highland Hospital (a Oakland), che è il più vicino, e da lì lo hanno trasferito al Children Hospital», ha raccontato il signor Velásquez. Il giorno successivo, Andrew ha subito due attacchi di cuore ed è stato portato in terapia intensiva. I medici hanno spiegato ai genitori che avrebbero dovuto drenare il sangue del piccolo per ripulirlo dal virus che aveva contratto. Intorno alle 23:00 di martedì, appena 48 ore dopo aver sviluppato sintomi simili al raffreddore, il trattamento ha fallito e Andrew è morto a causa del Metapneumovirus.

Cos’è il metapneumovirus, i suoi sintomi e come contrarlo

Secondo uno specialista, il virus che Andrew ha contratto può essere complicato se il paziente ha problemi cardiaci o polmonari. Nel caso del minore di Oakland, tutto indica che l’asma di cui soffriva è stato un fattore determinante nella sua morte. «È un tipo di virus che provoca raffreddore, tosse leggera in molte persone, ma in alcuni bambini può svilupparsi la polmonite o qualsiasi altra complicanza. Se qualcuno ha un problema pregresso, un problema ai polmoni, come l’asma, quando ci si ammala di questo virus, diventa più complicato», ha spiegato a Univision 14 News il dottor Erick Fernández y García, professore di pediatria presso l’ospedale pediatrico del Università della California a Davis.

Questo virus può essere ovunque, come hanno spiegato i medici a Julián. Ecco perché gli specialisti raccomandano ai genitori di prendere precauzioni estreme nei bambini se sono pazienti con malattie polmonari e cardiache croniche.

Evitare luoghi chiusi con molte persone, coprirsi la bocca e lavarsi le mani può aiutare a prevenire il contrarre questo o qualsiasi altro virus, spiega Erick Fernández y García. I Centri statunitensi per il controllo e la prevenzione delle malattie (CDC) sottolineano che il metapneumovirus impiega dai 3 ai 6 giorni per incubarsi e la maggior parte dei bambini vi è stata esposta prima del 5° compleanno.

Tra i sintomi più comuni che possono manifestarsi durante la contrazione ci sono tosse, febbre, congestione nasale e problemi respiratori.